Archivi tag: no stabulario

Alleanze stonate

A Trieste nel 2015, utilizzando l’evento annuale “World Animal Day” (rif. 1), è nato un comitato chiamato Trieste Animal Day (TAD) (rif. 1b) dove inizialmente era stato inserito nel direttivo uno sperimentatore su animali vivi che lavora al “Dipartimento di Scienze della Vita” (rif. 2, 3) che è stato anche responsabile tecnico dello stabulario dell’Università di Trieste (rif. 4) – (dove si perpetua la pratica antiscientifica della “sperimentazione animale” – vedi vivisezione – purtroppo ancora legalizzata).
Dopo varie proteste in merito arrivate all’attenzione del TAD (rif. 5, 5b), si era dimesso dal direttivo ma è comunque rimasto parte attiva di quel comitato sia durante l’evento organizzato nei primi giorni di ottobre del 2015 e sia come fondatore (rif. 6).
Quest’anno (ottobre 2016) all’evento del TAD, saranno presenti delle associazioni animaliste che nel 2015 in prima battuta si erano “dissociate” da quel nuovo comitato (tra le quali LAV, OIPA e Naica) – (rif. 6: nell’articolo di “Trieste All News” affermavano che “non ne condividono il metodo”) ed ora invece le associazioni suddette si ritrovano tra i “link amici” del TAD e nel caso di LAV e Naica anche come relatori di conferenze durante l’evento e nei titoli dei loro interventi non si accenna alla lotta contro la vivisezione  – [AGGIORNAMENTO: Dopo la pubblicazione del presente comunicato “alleanze stonate” (pubblicato il 26/09/2016), siamo venuti a sapere che oggi 28/09/2016  la LAV di Trieste ha fatto aggiornare all’ultimo momento sul sito del TAD il programma del loro intervento facendo aggiungere l’argomento “sperimentazione” dopo pellicce e allevamenti]. (rif. 7)

Alla luce di questi fatti il Comitato di liberi cittadini per la difesa degli animali e della salute umana (rif. 8) desidera esprimere la sua estrema contrarietà rispetto certe alleanze così stonate e vuole mettere in guardia contro la sopravvalutazione di manifestazioni come questa, facendo notare il pericolo che, riunendo soggetti che hanno verso gli animali atteggiamenti molto diversi, illudano il pubblico circa l’essersi raggiunto un accordo nella teoria e nella prassi in senso genuinamente animalista che invece non c’è.

Firmato: Comitato di liberi cittadini per la difesa degli animali e della salute umana

Informazioni scientifiche:

http://www.hansruesch.net/

http://www.dmi.unipg.it/~mamone/sci-dem/scidem.htm

– Protecting our health from the business of disease
Tutelare la salute dal business della malattia
Bruxelles 16 ottobre 2014 dal Parlamento Europeo:

https://www.facebook.com/HansRueschPerlaAbolizioneDellaVivisezioneOra

Riferimenti:

1 – http://www.worldanimalday.org.uk/about_us

1b – http://www.triesteanimalday.it/

2 – https://dsv.units.it/it/dipartimento/persone/stebel-marco/2034/

3 – http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=Stebel%20M%5BAuthor%5D&cauthor=true&cauthor_uid=17632383 http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17632383

4 – http://web.units.it/sites/default/files/gar/procedure/CAPITOLATO_STABULARIO.PDF

5 – “World Animal Day”, ecco perché alcune associazioni hanno deciso di non aderire: http://www.triesteallnews.it/2015/09/25/world-animal-day-ecco-perche-alcune-associazioni-hanno-deciso-di-non-aderire/

5b – Alla conferenza del 2015 il TAD ha invitato come relatori:
– Vallortigara Giorgio (ordinario di neuroscienze e direttore del Cimec) che lavora nel campo della sperimentazione in vivo sul modello animale.
– Gianni Tadolini (etologo e membro attivo della Limav) che in una intervista del 2013 diffusa sul web afferma (tra le varie) che “la sperimentazione in vivo non può essere totalmente sostituita”… e critica come “opinione forzata” quella dei rappresentanti accreditati del mondo della scienza che sostengono la non-riproducibilità della condizione umana tramite il Modello Animale”(!)

6 – Fondatori del TAD: http://www.triesteanimalday.it/chi-siamo/

7 – vedi il “link amici” del TAD: http://www.triesteanimalday.it/link-amici/ ed il programma del TAD del 2016 – http://www.triesteanimalday.it/world-animal-day-2016/ (In particolare domenica 2 ottobre dalle ore 11.00 alle ore 18.00 in Piazza S. Giacomo lo stand dell’Associazione Culturale Naica assieme alla Lega Anti Vivisezione saranno relatori di conferenze. Aver aggiunto all’ultimo il tema “sperimentazione” tra i loro argomenti non giustifica comunque queste alleanze stonate ed il fatto che una Lega Antivivisezione non parli fin da subito di vivisezione nella loro conferenza è, a nostro avviso, significativo).
___

8 – “Comitato di liberi cittadini per la difesa degli animali e della salute umana”- https://comitatodilibericittadiniperladifesadeglianimali.wordpress.com/
– leggi anche il comunicato del 18 ottobre 2014: https://comitatodilibericittadiniperladifesadeglianimali.wordpress.com/2014/10/18/comunicato-18-ottobre-2014/).

Come diceva Hans Ruesch:
“Che esista un’organizzazione centrale che dà direttive alla “Confraternita della vivisezione” nei vari paesi sul modo di neutralizzare e infiltrare i movimenti antivivisezionisti (AV), è cosa certa” (leggi: https://www.facebook.com/HansRueschPerlaAbolizioneDellaVivisezioneOra/photos/a.530716690339515.1073741844.469925656418619/1028347230576456/?type=3&theater ).

___

schermata-2016-09-26-a-18-48-42

Lascia un commento

Archiviato in Conoscenza, Scienza

ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE ORA! UNITI PER FAR VALERE I NOSTRI DIRITTI

I sostenitori della petizione per l’abolizione della vivisezione hanno creato una pagina Facebook dedicata a divulgare i risultati della petizione, e soprattutto le informazioni sulle azioni che sarà possibile intraprendere per far valere le nostre richieste al Parlamento Europeo:
https://www.facebook.com/Abolizione-della-vivisezione-Ora-133575890404116/
Invitiamo tutti coloro che vogliono sostenerci ad esprimere il loro consenso su questa pagina ed a contribuire a condividerla!
Leggi: https://www.facebook.com/133575890404116/photos/a.135634213531617.1073741828.133575890404116/135623623532676/?type=3&theater
___
13599935_135623623532676_7937337462693585663_n
Versione inglese: https://www.facebook.com/133575890404116/photos/a.135634213531617.1073741828.133575890404116/135641660197539/?type=3&theater
___ * ___

UNITI PER FAR VALERE I NOSTRI DIRITTI
I cittadini hanno ragione a chiedere l’abolizione della vivisezione: le numerose catastrofi farmaceutiche, il dilagante inquinamento chimico e farmaceutico, l’aumento delle malattie iatrogene, gli sprechi finanziari, le contraddizioni legislative e giuridiche… questioni che il Parlamento non può permettersi di ignorare. La petizione era stata organizzata solo grazie alla collaborazione di privati cittadini. In tanti hanno collaborato per oltre 3 anni per le ricerche, la documentazione, le raccolte firme in tutta Europa e per presentare questa petizione. Chiediamo ancora la collaborazione e il sostegno di tutti affinché il Parlamento non possa archiviare la petizione senza che le questioni sollevate abbiano neppure ricevuto una specifica risposta. Questo non è accettabile. Dobbiamo ottenere che le richieste presentate dalla petizione siano urgentemente dibattute e venga data adeguata risposta alle istanze dei cittadini. Inoltre non è più accettabile che la richiesta di abolizione possa essere ancora negata. Se la tutela della salute è un diritto fondamentale e inalienabile, allora ottenere l’abolizione della vivisezione è un diritto fondamentale!
Chiediamo a tutti di essere uniti per far valere le nostre ragioni e perché i nostri diritti siano rispettati. Stiamo pianificando la nostra strategia per rispondere al Parlamento e per esercitare tutta la pressione possibile, vi terremo informati sulle azioni che sarà possibile intraprendere. Ma sappiamo che per vincere avremo bisogno del sostegno di tutti: devono sapere che non ci fermeremo finché le nostre richieste non saranno ascoltate. Grazie a tutti coloro che aiuteranno a divulgare questa comunicazione e le future informazioni, e a tutti coloro che continueranno a sostenere la campagna per l’abolizione.
___ * ___

Lascia un commento

Archiviato in Conoscenza, Scienza

Articoli della LEAL sez. di Trieste

Venerdì 31 maggio 2013

Intervento di Catherine Anstey e Bianca Paluzzi della Leal – Lega antivivisezionista (sezione di Trieste).

vedi: Dibattito sulla vivisezione senza contraddittorio

___ * ___

Sabato 13/4/2013 la Leal – Lega antivivisezionista (della Sezione di Trieste) si è espressa rispetto alle ultime vicende della lotta contro la vivisezione a Trieste.

vedi: Articolo LEAL TRIESTE del 13/4/2013

 

Lascia un commento

14/04/2013 · 1:51 PM

Manifestazione no vivisezione del 17 marzo 2012 a Trieste

Schermata 2013-03-31 a 14.17.35Schermata 2013-03-31 a 14.18.14430070_3514260545796_1550410389_33133540_100188914_nSchermata 2013-03-31 a 14.36.20Schermata 2013-03-31 a 14.49.42Schermata 2013-03-31 a 14.22.13Schermata 2013-03-31 a 14.47.07   Schermata 2013-03-31 a 14.46.04 Schermata 2013-03-31 a 14.43.31 Schermata 2013-03-31 a 14.42.59 486354_3182634537062_1601692684_2603705_722534200_nSchermata 2013-03-31 a 14.41.39 Schermata 2013-03-31 a 14.41.02Schermata 2013-03-31 a 14.38.53  Schermata 2013-03-31 a 14.37.32Schermata 2013-03-31 a 14.28.14    Schermata 2013-03-31 a 14.20.17Schermata 2013-03-31 a 14.19.40Schermata 2013-03-31 a 14.19.25   417673_3514288146486_1550410389_33133615_418154099_n  432305_3514269866029_1550410389_33133570_516710613_nfoto ok  Schermata 2013-03-31 a 14.48.44massa cittadini con sole

Lascia un commento

31/03/2013 · 8:52 PM

Comunicato stampa pubblicato su “La voce di Trieste”

“La voce di Trieste” (il giorno 22 marzo 2013 a pag. 16) ha pubblicato un articolo sul Comunicato stampa mandato dal nostro Comitato in data 13 marzo 2013 a varie testate giornalistiche.

https://comitatodilibericittadiniperladifesadeglianimali.files.wordpress.com/2013/03/comunicato.pdf

Schermata 2013-03-22 a 14.45.39

Il sito triesteprima.it ha pubblicato il nostro Comunicato il giorno stesso on line: http://triesteprima.it/trieste/44-cronaca/7168-vivisezione-il-comune-di-trieste-dice-no-allo-stabulario-universitario-ma-si-scopre-che-le-opere-sono-gia-cominciate.html

______________________

Il giornale “La voce di Trieste”: http://www.lavoceditrieste.net/

Il sito triesteprima.it: http://triesteprima.it/

Lascia un commento

30/03/2013 · 4:07 AM

NO ALLO STABULARIO DELL’UNIVERSITA’ DI TRIESTE

NO ALLO STABULARIO DELL'UNIVERSITA' DI TRIESTE

L’attività del Comitato di liberi cittadini per la difesa degli animali e della salute umana è iniziata con la manifestazione del 17 marzo 2012 a Trieste:
http://www.geapress.org/sperimentazione-animale/trieste-e-la-vivisezione-sulla-collina-modulo-petizione/25508

video: http://youtu.be/a4UGPQmDXk0

Si è fatta partire la raccolta firme cartacea per la petizione popolare CONTRO LO STABULARIO dell’Università di Trieste, iniziata il 12 marzo 2012 e conclusasi il 15 febbraio 2013 raggiungendo 8000 firme.
Con la petizione si chiedeva che i fondi, quasi tutti pubblici, previsti per la ristrutturazione dello stabulario dell’Università di Trieste (459 mila Euro), invece di sovvenzionare un vergognoso lager, fossero investiti per convertirlo in un vero luogo di ricerca e per un’istruzione che stia al passo con i tempi adeguandosi alle nuove tecnologie come lo sviluppo di metodi di ricerca già esistenti che non fanno ricorso alla sperimentazione animale o ai dati animali (in base alla legge 413 del 12 ottobre 1993 – la legge sull’obiezione di coscienza alla vivisezione pubblicata dalla Gazzetta Ufficiale n. 244 del 16/10/1993 – http://www-db.deis.unibo.it/~fgrandi/L413.html). Legge che dovrebbe essere come un faro per le nuove generazioni di scienziati che abbandonano metodi arcaici e medioevali per essere protagonisti di vero progresso ed innovazione. Perché Trieste possa essere definita con reale ed effettivo riscontro “la città della Scienza”.

Si chiede da molti fronti lo sviluppo e la crescita e si deve prendere atto che siamo in un momento storico, dove l’attenzione sul tema vivisezione è alta e coinvolge scienziati, intellettuali, economisti, politici, semplici cittadini, che chiedono una rivoluzione scientifica che è davvero realizzabile.
Consideriamo opportuno che si riesca a cogliere questa occasione per dare alla città di Trieste una spinta per un cambiamento epocale, di innovazione culturale, sviluppo economico, riconoscimento e stima, come fu all’epoca, per la psichiatria, la riforma Basaglia che permise a Trieste di essere la prima città ad aprire i manicomi, procurandole prestigio in tutto il mondo.

L’Università ha diritto/dovere di dotarsi con metodologie sostitutive e di tenere vivo un libero dibattito scientifico da tutto il mondo. L’Italia è l’unica ad avere la legge 413/93, che dovrebbe tradursi da tempo in numerose Cattedre in materia di metodologie sostitutive.
Non è mai troppo tardi e confidiamo nella volontà di questo cambiamento da parte di tutti, Università in primis.

Il 7 maggio 2012 il Comune di Trieste ha votato in notevole maggioranza, a favore di una mozione urgente dove si chiede la conversione del finanziamento destinato allo stabulario dell’Università di Trieste in una ricerca che non faccia utilizzo di animali, dando inoltre piena applicazione alla legge 413/1993 sull’obiezione di coscienza. (https://comitatodilibericittadiniperladifesadeglianimali.wordpress.com/2013/03/30/il-consiglio-comunale-vota-a-favore-della-mozione-contro-lo-stabulario/)

Questo risultato è stato ottenuto anche grazie alla grande attenzione sul tema da parte dell’opinione pubblica (basilare in temi rilevanti) che ha consentito di informare i consiglieri comunali sull’argomento vivisezione attraverso la conferenza – dibattito “Sperimentazione animale: vera o falsa scienza?” (https://comitatodilibericittadiniperladifesadeglianimali.wordpress.com/2013/03/30/sperimentazione-animale-vera-o-falsa-scienza-conferenza-dibattito-a-trieste/) avvenuta il giorno 23 aprile 2012, prima della votazione finale della mozione urgente.

Il giorno 24 gennaio 2013 in concomitanza con l’annuncio ufficiale della chiusura raccolta firme abbiamo fatto protocollare una lettera al Rettore dove gli si chiedeva un appuntamento per un incontro in modo da consegnargli brevi mano le firme raccolte per chiedere che i fondi pubblici destinati alla ristrutturazione dello stabulario, siano invece usati per convertirlo in un vero luogo di ricerca scientifica avanzata.
Il Rettore dell’Università, il giorno 7 marzo 2013, dopo un nostro rinnovo della richiesta via mail, rifiutava di incontrare i rappresentanti dei cittadini firmatari contro la vivisezione in università chiedendo loro di spedire le firme per posta.
Ecco il comunicato stampa che ne è conseguito: http://triesteprima.it/trieste/44-cronaca/7168-vivisezione-il-comune-di-trieste-dice-no-allo-stabulario-universitario-ma-si-scopre-che-le-opere-sono-gia-cominciate.html

“La voce di Trieste” (il giorno 22 marzo 2013 a pag. 16) ha pubblicato un articolo sul Comunicato stampa mandato dal nostro Comitato in data 13 marzo 2013 a varie testate giornalistiche.

___________________

Lascia un commento

30/03/2013 · 1:48 AM

Sperimentazione animale: vera o falsa scienza? Conferenza-dibattito a Trieste

Conferenza-dibattito sulla vivisezione svoltasi lunedì 23 aprile 2012 presso il bar libreria Knulp in via Madonna del Mare 7/a

Sono stati presenti come relatori il professori:

Gianni Tamino (docente di Biologia presso il Dipartimento di Biologia dell’Università degli Studi di Padova e presidente del Comitato Equivita – Comitato Scientifico Antivivisezionista, che unisce e coordina i medici e gli scienziati che aderiscono alla lotta contro la sperimentazione animale) – http://www.equivita.it/

Marco Mamone Capria (docente di Meccanica Superiore all’Università di Perugia e presidente della Fondazione Hans Ruesch per una medicina senza vivisezione – CIVIS: Centro Informazioni Vivisezionistiche Internazionali Scientifiche) – http://www.hansruesch.net/

Piero Paolo Battaglini (professore ordinario di Fisiologia al Dipartimento di Scienze della Vita dell’Univ. di Trieste – Direttore scientifico del Settore Stabulario e Sperimentazione Animale)

Lascia un commento

30/03/2013 · 1:00 AM