A chi vengono affidati i nostri soldi e il nostro futuro?

Un quadro della situazione nel Friuli Venezia Giulia per fare riflettere:

08 giugno 2012

CIRIANI E PREMOLIN TRA GLI OTTO INDAGATI PER LO SCEMPIO IN VAL ROSANDRA:
http://www.triesteprima.it/trieste/44-cronaca/5112-ciriani-e-premolin-tra-gli-otto-indagati-per-lo-scempio-in-val-rosandra.html

______________________

giovedì 13 dicembre 2012

La giunta regionale, su proposta del vicepresidente Ciriani, ha oggi dato il via libera alla costituzione del comitato etico regionale per la sperimentazione animale:

http://www.regioni.it/it/show-salute_indicato_comitato_etico_su_sperimentazione_animale/news.php?id=280401

______________________

lunedì 21 gennaio 2013

La segretaria della “Fondazione Hans Ruesch per una medicina senza vivisezione” (http://www.hansruesch.net) manda (senza ottenere risposta) una mail a Ciriani con oggetto: “Comitato Etico FVG”.
Questo il testo della mail:

Egregio Assessore  Regione FVG Luca Ciriani,
essendo stata resa pubblica in data 13 dicembre 2012  la composizione  del Comitato Etico PER la Sperimentazione Animale con il compito di proporre metodologie sperimentali innovative senza uso di animali ed effettuare il monitoraggio e la valutazione dell’attività dei comitati etici costituiti presso le Università e gli Istituti scientifici, ho appreso che tale Comitato  sarà  costituito  dai professori: Pier Paolo Battaglini, Bruno Stefanon,  Antonello Mallamaci, Paolo Zucca, Manlio Palei e dalle dott.sse Marta Raneri (L.A.V.), Gabriella Giaquinta  (Amici della Terra) e Elena Riggi (E.N.P.A.)
Con la presente La  metto a parte di alcune informazioni documentate.
E’ noto che i prof. Antonello  Mallamaci e Pier Paolo  Battaglini sono ancorati alle tradizionali modalità di ricerca con animali e non risulta alla scrivente -da alcuna fonte- che i professori si siano distinti nella ricerca di metodologie sostitutive, né è noto l’impegno -presso le sedi competenti- a che il Dlgs  116/92 e la legge 413/93 trovino piena attuazione; inoltre il professor Battaglini ricopre un ruolo in conflitto di interesse con le finalità per cui è stato istituito il Comitato, quale responsabile scientifico di stabulario dell’ateneo di Trieste: lo stabulario è infatti in attesa di un finanziamento pubblico congelato per volontà  del Comune per le pressioni di un consistente gruppo di cittadini.
Faccio presente che  il Comitato Nazionale di Bioetica doveva ricordare ancora nel dicembre 2009 al Preside di Veterinaria, prof. Bruno Stefanon i doveri delle facoltà scientifiche verso tutti i potenziali obiettori a rendere noto con massima pubblicità le norme di obiezione di coscienza e l’attivazione di metodologie sostitutive del modello animale in vivo (imperativi che non decadono in temporanea assenza di corsi con sperimentazione animale).
Non solo: è documentato che  la Presidenza di Facoltà di Veterinaria  confessava al Comitato Nazionale di Bioetica di non aver attivato metodologie di insegnamento senza uso di animali, nonostante 25 facoltà dimostrassero di applicare metodi sostitutivi con successo e la legge 413 obbligasse in tal senso le Presidenze. E’ proprio Il Comitato Nazionale di Bioetica che a ragione inserisce nel dicembre 2009 la facoltà di Veterinaria diretta dal prof. Stefanon nella lista nera delle facoltà in cui “si procede alla sperimentazione animale secondo le tradizionali modalità” (pag. 21 documento governativo del 18 dicembre 2009 intitolato Metodologie alternative, Comitati etici e Obiezione di coscienza alla sperimentazione animale pubblicato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri).
Il M.I.U.R., ancora 3 anni dopo le raccomandazioni del Consiglio Nazionale di Bioetica, nel settembre 2012 era costretto a ricordare per l’ennesima volta i doveri  di informazione agli studenti e lavoratori e l’obbligo a sostituire la sperimentazione animale con metodologie non cruente.
Ebbene, ancora oggi, a venti anni dall’emanazione della legge 413/93, dopo  le raccomandazioni del comitato più autorevole di bioetica, il Comitato Nazionale di Bioetica, e una  circolare diramata addirittura dal M.I.U.R., il Preside Stefanon conferma la volontà a perpetrare la dolosa  omissione di atto di ufficio.
I veterinari  Paolo Zucca e Manlio Palei, per lo specifico ruolo professionale ricoperto, sono necessariamente improntati  alla medicina veterinaria applicata all’uomo (approccio vivisezionista) ed anche in questo caso non risulta  alla scrivente alcun documento nel quale i professori Zucca e Palei  si siano fatti portavoce  della necessità di applicare le nuove tecnologie come da Dlgs 116/92 e legge 413/93 almeno in campo tossicologico, trovando queste già applicazione in altri Paesi.
Tutto ciò premesso, La invito a fornire ai cittadini, tra cui la sottoscritta richiedente, alcune doverose specificazioni di pubblico interesse.
Il Comitato è già operativo? Diversamente, quando sono previsti gli inizi dei lavori?
Con quale  discrimine curricolare sono stati  scelti i membri del Comitato Etico?
Quali dei membri sono specificamente  esperti in metodologie sostitutive?
Perché non sono pubblicati  nel sito web della Regione  FVG i curricula dei 3 membri delle Società di protezione degli animali, di cui solo una specificamente di protezione degli animali da laboratorio (L.A.V.)?
Per quale motivo il fronte vivisezionista del Comitato appare  in numero di 5 e il fronte opposto di soli 3 membri?
Qual sarà il costo di tale Comitato per i cittadini del FVG ?
Certa che risponderà a tutte le domande, colmando il vuoto informativo della scrivente e dissipando i dubbi che un comitato etico così costituito possa impegnarsi proficuamente nella segnalazione di valide metodologie scientifiche innovative e nella loro conseguente applicazione,  La ringrazio anticipatamente per la precisione dei dati pubblici in Suo possesso che fornirà.
Cordialmente,
Alessandra Chierici

______________________

13 / 03 / 2013
Il sito triesteprima.it ha pubblicato il Comunicato stampa del “Comitato di liberi cittadini per la difesa degli animali” – https://comitatodilibericittadiniperladifesadeglianimali.wordpress.com/ –  il giorno stesso on line: http://triesteprima.it/trieste/44-cronaca/7168-vivisezione-il-comune-di-trieste-dice-no-allo-stabulario-universitario-ma-si-scopre-che-le-opere-sono-gia-cominciate.html

Anche “La voce di Trieste” (il giorno 22 marzo 2013 a pag. 16) ha pubblicato un articolo riguardo al Comunicato stampa inserendo anche alcune dichiarazioni del prof. Marco Mamone Capria (Presidente della Fondazione CIVIS – http://www.hansruesch.net):
https://comitatodilibericittadiniperladifesadeglianimali.files.wordpress.com/2013/03/comunicato.pdf

______________________

05 Maggio 2013
Peroni assessore al Bilancio e alle Finanze della giunta Serracchiani, il MoVimento 5 Stelle: «Palese incompatibilità con la sua carica di membro del Consiglio Superiore della Banca d’Italia. Si dimetta immediatamente»:
http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/friuliveneziagiulia/2013/05/palese-incompatibilita-con-la-sua-carica-di-membro-del-consiglio-superiore-della-banca-ditalia-si-di.html

______________________

4 settembre 2013 – Luca Ciriani ex assessore della regione Friuli Venezia Giulia è indagato di peculato.
http://www.impresentabili.it/luca-ciriani/#

______________________

Annunci

Lascia un commento

15/10/2013 · 6:31 PM

I commenti sono chiusi.